Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (AIFVS onlus) - sito ufficiale
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.png
L' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

fiorivittimestrada.jpg
Memorie

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Preferenze

Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
Captcha reload
Copia il codice :

Agenda

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.


Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork


Chiudi e continua X

20 novembre 2016 Giorn. mondiale del ricordo delle vittime della strada

20 novembre 2016. Giornata Mondiale del ricordo delle vittime della strada 

“Ricordare per cambiare”
 
Come da tradizione, l’AIFVS nella Giornata del Ricordo onora le Vittime della Strada con iniziative religiose e di sensibilizzazione sociale, e con il costante messaggio di “Ricordare per cambiare”.

E tale cambiamento si ricollega sempre alla necessità di prevenire l’incidente stradale, ma quest’anno, di concerto con la FEVR di cui l’AIFVS fa parte, intende porre in primo piano l’attenzione alle vittime nel dopo-incidente. È una sollecitazione rivolta principalmente alle istituzioni, perché:
intervengano subito per ridurre le conseguenze dannose (la cosiddetta “ora d’oro”)
svolgano indagini accurate per assicurare verità e giustizia 
garantiscano celerità e rigore nei processi per risparmiare sofferenze alle vittime e rendere credibile la giustizia

Le azioni indicate, assieme alla richiesta di istituire i centri di assistenza per le vittime e la Giornata Nazionale del Ricordo delle Vittime della Strada saranno sostenute dalla raccolta firme ad opera delle sedi dell’AIFVS, da presentare successivamente ai Ministeri interessati.
Le sedi, pertanto, nella terza domenica di novembre parteciperanno alla Santa Messa nel ricordo delle Vittime, ma dedicheranno il mese di novembre per sostenere i diritti delle Vittime, svolgendo attività di sensibilizzazione sociale,
sia sul tema sopra indicato e sia sulla percezione della sicurezza nel territorio. A tal fine diffonderanno anche un questionario, i cui risultati saranno comunicati agli enti interessati, come ad esempio la richiesta alla RAI di istituire una rubrica fissa televisiva sui temi dell’incidentalità stradale.
Infine, sarà diffuso, tramite la collaborazione di varie radio, un messaggio per sollecitare l’attenzione alla guida: “i segni di una guida distratta non si cancellano”.
. Le sedi, inoltre, realizzeranno altre attività nel loro territorio, anche in collaborazione con la Croce Rossa o con altri organismi sociali, riportate sul sito dell’AIFVS.
Giuseppa Cassaniti 
Presidente AIFVS

La ultima news
AIFVS Giornata Mondiale del Ricordo - con AIFVS_onlus il 19/11/2016 * 20:02

3WDR_POSTER_2016__ITALY_AIFVS_low.jpg

“Ricordare per cambiare”
 
Come da tradizione, l’AIFVS nella Giornata del Ricordo onora le Vittime della Strada con iniziative religiose e di sensibilizzazione sociale, e con il costante messaggio di “Ricordare per cambiare”.

E tale cambiamento si ricollega sempre alla necessità di prevenire l’incidente stradale, ma quest’anno, di concerto con la FEVR di cui l’AIFVS fa parte, intende porre in primo piano l’attenzione alle vittime nel dopo-incidente. È una sollecitazione rivolta principalmente alle istituzioni, perché:
intervengano subito per ridurre le conseguenze dannose (la cosiddetta “ora d’oro”)
svolgano indagini accurate per assicurare verità e giustizia 
garantiscano celerità e rigore nei processi per risparmiare sofferenze alle vittime e rendere credibile la giustizia

Le azioni indicate, assieme alla richiesta di istituire i centri di assistenza per le vittime e la Giornata Nazionale del Ricordo delle Vittime della Strada saranno sostenute dalla raccolta firme ad opera delle sedi dell’AIFVS, da presentare successivamente ai Ministeri interessati.
Le sedi, pertanto, nella terza domenica di novembre parteciperanno alla Santa Messa nel ricordo delle Vittime, ma dedicheranno il mese di novembre per sostenere i diritti delle Vittime, svolgendo attività di sensibilizzazione sociale,
 sia sul tema sopra indicato e sia sulla percezione della sicurezza nel territorio. A tal fine diffonderanno anche un questionario, i cui risultati saranno comunicati agli enti interessati, come ad esempio la richiesta alla RAI di istituire una rubrica fissa televisiva sui temi dell’incidentalità stradale.
Infine, sarà diffuso, tramite la collaborazione di varie radio, un messaggio per sollecitare l’attenzione alla guida: “i segni di una guida distratta non si cancellano”.
. Le sedi, inoltre, realizzeranno altre attività nel loro territorio, anche in collaborazione con la Croce Rossa o con altri organismi sociali, riportate sul sito dell’AIFVS.
Giuseppa Cassaniti 
Presidente AIFVS

Leggi il seguito Leggi il seguito

3WDR_POSTER_2016__ITALY_AIFVS_low.jpg

“Ricordare per cambiare”
 
Come da tradizione, l’AIFVS nella Giornata del Ricordo onora le Vittime della Strada con iniziative religiose e di sensibilizzazione sociale, e con il costante messaggio di “Ricordare per cambiare”.

E tale cambiamento si ricollega sempre alla necessità di prevenire l’incidente stradale, ma quest’anno, di concerto con la FEVR di cui l’AIFVS fa parte, intende porre in primo piano l’attenzione alle vittime nel dopo-incidente. È una sollecitazione rivolta principalmente alle istituzioni, perché:
intervengano subito per ridurre le conseguenze dannose (la cosiddetta “ora d’oro”)
svolgano indagini accurate per assicurare verità e giustizia 
garantiscano celerità e rigore nei processi per risparmiare sofferenze alle vittime e rendere credibile la giustizia

Le azioni indicate, assieme alla richiesta di istituire i centri di assistenza per le vittime e la Giornata Nazionale del Ricordo delle Vittime della Strada saranno sostenute dalla raccolta firme ad opera delle sedi dell’AIFVS, da presentare successivamente ai Ministeri interessati.
Le sedi, pertanto, nella terza domenica di novembre parteciperanno alla Santa Messa nel ricordo delle Vittime, ma dedicheranno il mese di novembre per sostenere i diritti delle Vittime, svolgendo attività di sensibilizzazione sociale,
 sia sul tema sopra indicato e sia sulla percezione della sicurezza nel territorio. A tal fine diffonderanno anche un questionario, i cui risultati saranno comunicati agli enti interessati, come ad esempio la richiesta alla RAI di istituire una rubrica fissa televisiva sui temi dell’incidentalità stradale.
Infine, sarà diffuso, tramite la collaborazione di varie radio, un messaggio per sollecitare l’attenzione alla guida: “i segni di una guida distratta non si cancellano”.
. Le sedi, inoltre, realizzeranno altre attività nel loro territorio, anche in collaborazione con la Croce Rossa o con altri organismi sociali, riportate sul sito dell’AIFVS.
Giuseppa Cassaniti 
Presidente AIFVS

Chiudi Chiudi


Forum in diretta

 
 
Ufficializziamo la Giornata del Ricordo delle Vittime della Strada

Ufficializziamo la Giornata del Ricordo delle Vittime della Strada

GiornataMondiale.jpg

L’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada ha avanzato negli anni alle alte cariche dello Stato la richiesta di ufficializzare la Giornata ONU del Ricordo delle Vittime della Strada, perché la memoria sia monito per la prevenzione e per rendere onore alle vittime di una guerra non adeguatamente affrontata, che sulle nostre strade continua a lasciare morti e disabili permanenti: dal 2000 ad oggi circa 75.000 morti e 300.000 disabili permanenti, oltre a milioni di feriti. Pertanto, se ci azzardassimo ad andare di 50 anni indietro nel tempo potremmo considerare la strage stradale come la più grande strage nella storia d’Italia. Continua a leggere

Firma questa petizione clicca qui

... / ... Leggi il seguito

Ufficializziamo la Giornata del Ricordo delle Vittime della Strada

GiornataMondiale.jpg

L’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada ha avanzato negli anni alle alte cariche dello Stato la richiesta di ufficializzare la Giornata ONU del Ricordo delle Vittime della Strada, perché la memoria sia monito per la prevenzione e per rendere onore alle vittime di una guerra non adeguatamente affrontata, che sulle nostre strade continua a lasciare morti e disabili permanenti: dal 2000 ad oggi circa 75.000 morti e 300.000 disabili permanenti, oltre a milioni di feriti. Pertanto, se ci azzardassimo ad andare di 50 anni indietro nel tempo potremmo considerare la strage stradale come la più grande strage nella storia d’Italia. Continua a leggere

Firma questa petizione clicca qui

Chiudi Chiudi

 
 
Facebook

Twitter
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  

im_off.gif
info@vittimestrada.org